mercoledì 20 marzo 2013

Lou cofre dla piso da pì

In Alta Val Germanasca si trova una cascata molto conosciuta: il Pis.

Nelle sue vicinanze trova però rifugio un drago che protegge un tesoro:

 riuscirà Danilo a sconfiggerlo?!

La favola è inventata ed è stata Leggenda inventata e raccolta nel volume “Uno terro, uno lengo, un pople”
 


Darèire la pîso dà Pi, la lhèro trënto cofre d'or e un bien grô soulélh d'or, qu'avìo lh'eulh e la goulo dë pèrla. Ma toutta quëtta ricêsa laz èrën gardâ da un enorme dragoun eicuppo-fuëc, lonc sincanto mettre e ooub nun pounth dëbble.

Un jouërn, un filhét dë nom Danilo à voulgù travërsiâ la pîso e al à troubà lou dragoun dërvëlhà.

Lou dragoun lh'à eicupì dë fuëc, ma a l'à pâ touchà; parélh Danilo à pilhà l'andi e lh'à foutù un càou quë l'à fait eitravalî. Lou jouve s'ê ëstounà dë sa forso; â pouìo pâ capî quî l'ero quë l'avio fait saoutâ tant aout. L'èro îtà lou soulélh qu'avìo voulgù ajuâ un jouve tant courajoû. Al à vitte pilhà un dë qu'li cofre e al ê ëscapà coum un eiludi.


Dietro la cascata del Pis c'erano trenta forzieri d'oro, e un grandissimo sole d'oro, che aveva gli occhi e la bocca di smeraldi. Ma tutte queste ricchezze erano custodite da un enorme drago sputa fuoco, lungo cinquanta metri e senza nessun punto debole.

Un giorno, un ragazzo di nome Danilo volle attraversare la cascata e trovò il drago sveglio.

Il drago gli sputò del fuoco, ma non lo colpì; così Danilo prese lo slancio e gli tirò un calcio che lo fece svenire. Il giovane si stupì della propria forza; non capì chi lo aveva fatto saltare così in alto. Era stato il sole, che aveva voluto aiutare un giovane così coraggioso [Il ragazzo] prese in fretta uno di questi forzieri e scappò veloce come un fulmine.


Ringraziamo  Lî Timangle  per le voci e Roberta Amprino per le illustrazioni

Nessun commento:

Posta un commento