giovedì 14 marzo 2013

"Bienvenue!"... Moi je parle français



Nell'idea di coinvolgere i più giovani, dallo scorso anno ognuna delle due lingue presenti sul territorio della Comunità Montana del Pinerolese è rappresentata da un animaletto che per forme e/o colori che richiamano alcuni aspetti legati alla lingua.. 
Ve li presentiamo perchè ci accompagneranno nei nostri percorsi didattici!






GALLETTO

        Simbolo della lingua francese, è rappresentato appollaiato su un supporto ed in atteggiamento fiero, con il becco aperto mentre “canta”, per esprimersi al meglio nella sua lingua madre (il Francese, appunto). La scelta del gallo come simbolo francese risale all'Antichità e trae origine dall'assonanza tra “gallus” (gallo in latino) e “Gallus” (inteso come abitante della Gallia, l’antica regione francese); questa scelta non è mai stata ufficializzata, ma nel corso dei secoli si ritrovano spesso sigilli e stemmi che rappresentano galli in diverse fogge e colori. In questo caso il suo piumaggio riprende la bicromia giallo-blu utilizzata nel simbolo del giglio, che, nei materiali riguardanti la lingua francese, rappresenteràil corrispettivo della “croce di Tolosa”, da anni utilizzata come simbolo dell’Occitano. Il giglio “reale”(giallo su fondo blu), invece, ha un utilizzo molto antico, risalente addirittura al Medioevo. Secondo latradizione, esso diventa uno dei simboli della Francia quando fu scelto nel V secolo come propriosimbolo da Clodoveo, re dei Franchi, dopo la sua vittoria sui Visigoti . Sicuramente ci sono tracce diquesto simbolo (chiamato “Fleur de Lys”), rappresentato secondo questa bicromia ai tempi di Luigi VII di Francia.





Nessun commento:

Posta un commento